Blog

bt_bb_section_bottom_section_coverage_image

Narcolessia: cos’è e come combatterla

Narcolessia: comprensione dei sintomi, delle cause e dei trattamenti

La narcolessia è un disturbo neurologico del sonno che colpisce circa 1 persona su 2.000. È caratterizzata da eccessiva sonnolenza diurna, improvvisa debolezza muscolare e persino allucinazioni. Può disturbare la vita quotidiana e può avere gravi conseguenze se non viene trattata

 

Sintomi

Il sintomo principale è l’eccessiva sonnolenza diurna, spesso accompagnata da improvvisi attacchi di sonno. Questi attacchi possono verificarsi in qualsiasi momento della giornata e possono durare diversi minuti o anche un’ora. Altri sintomi comuni sono:

Cataplessia: improvvisa debolezza o paralisi muscolare scatenata da forti emozioni come risate, rabbia o sorpresa.

Paralisi del sonno: incapacità temporanea di muoversi o parlare durante l’addormentamento o il risveglio.

Allucinazioni: immagini o suoni vividi e spesso spaventosi che si verificano durante l’addormentamento o il risveglio.

In molti casi, provoca anche una perdita inaspettata e temporanea del controllo muscolare, nota come cataplessia. Questo fenomeno può essere scambiato per attività convulsiva, soprattutto nei bambini. Questo fenomeno è ora chiamato narcolessia di tipo 1. Quando la cataplessia è assente, viene definita narcolessia di tipo 2.

Essa non è di per sé una malattia mortale, ma gli episodi possono causare incidenti, lesioni o situazioni di pericolo di vita. Inoltre, le persone affette da questo disturbo possono avere difficoltà a mantenere il lavoro, ad andare bene a scuola e ad avere problemi di relazione a causa degli episodi di eccessiva sonnolenza diurna.

narcolessia: cos'è e come combatterla

 

Quali sono le cause?

La causa esatta della narcolessia è sconosciuta. Tuttavia, la maggior parte delle persone affette dal tipo 1 presenta una diminuzione della quantità di una proteina cerebrale chiamata ipocretina. Una delle funzioni dell’ipocretina è la regolazione dei cicli sonno-veglia.

Gli scienziati ritengono che molti fattori possano causare bassi livelli di ipocretina. Una mutazione genetica è associata a bassi livelli di ipocretina. Si ritiene che questa carenza ereditaria, insieme a un sistema immunitario che attacca le cellule sane (cioè un problema autoimmune), contribuisca alla narcolessia.

Anche altri fattori, come lo stress, i traumi cerebrali, l’esposizione a tossine e le infezioni, possono svolgere un ruolo.

Fattori di rischio

Alcuni dei fattori di rischio possono essere i seguenti:

  • Storia familiare. Se avete un familiare di primo grado (come un genitore o un fratello) affetto da narcolessia, potreste avere una probabilità 40 volte maggiore di soffrire di questa condizione. Tuttavia, la percentuale di casi che si verificano in famiglia è esigua.
  • Età. Esistono due periodi di picco per la diagnosi di narcolessia: intorno ai 15 anni e intorno ai 36 anni. Tuttavia, la narcolessia è spesso sottodiagnosticata o mal diagnosticata.
  • Precedenti traumi cerebrali. In rari casi, la narcolessia può insorgere dopo un grave trauma alle aree del cervello che regolano la veglia e il sonno REM. Anche i tumori cerebrali possono causare la narcolessia.

 

Diagnosi e trattamento della narcolessia

La narcolessia può essere difficile da diagnosticare, in quanto i sintomi possono essere simili ad altri disturbi del sonno, come l’apnea notturna. Spesso è necessario uno studio del sonno per confermare la diagnosi di narcolessia. Il trattamento della narcolessia prevede di solito una combinazione di farmaci e cambiamenti nello stile di vita.

Stimolanti come il modafinil e l’armodafinil sono spesso prescritti per aiutare a migliorare la veglia durante il giorno. Possono essere prescritti anche antidepressivi e sodio ossibato per aiutare a gestire sintomi come la cataplessia e la paralisi del sonno. Anche i cambiamenti nello stile di vita, come fare dei sonnellini programmati, evitare alcol e caffeina e mantenere un programma di sonno regolare, possono essere utili per gestire la narcolessia.

narcolessia: cos'è e come combatterla

 

Gestione della narcolessia

Vivere con la narcolessia può essere impegnativo, ma è possibile gestire con successo la condizione. Ottenendo una diagnosi corretta, collaborando con il medico per trovare il trattamento migliore per voi e rimanendo coerenti con il vostro piano terapeutico, potrete continuare a vivere una vita sana.

Come gestirla?

Fare dei sonnellini programmati: fare brevi sonnellini programmati durante la giornata può aiutare a migliorare la veglia e a ridurre la frequenza degli attacchi di sonno.

Evitare alcol e caffeina: queste sostanze possono interferire con la qualità del sonno e aggravare i sintomi della narcolessia.

Mantenere un programma di sonno regolare: andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno può aiutare a regolare il ciclo sonno-veglia.

Cercare sostegno: partecipare a un gruppo di sostegno o parlare con un terapeuta può aiutare ad affrontare l’impatto emotivo e psicologico della narcolessia.

 

Con il giusto trattamento e cambiamenti nello stile di vita, è possibile gestire i sintomi della narcolessia e migliorare la qualità della vita. Se si avvertono i sintomi della narcolessia, è importante parlarne con il proprio medico e ottenere una diagnosi e un piano di trattamento adeguati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

NEWSLETTER

Dr. Otto è un brand di DF Medica Oone srl specializzato in disturbi del sonno.

DF MEDICA OONE SRL

CONTATTI

https://www.dottorotto.it/wp-content/uploads/2023/04/Logo_positivo.png

NEWSLETTER

    *Please note that our weekend opening hours can be affected by scheduled Private Events.

    OPENING HOURS

    Tue – Fri: 9:30am – 6:00 pm

    Weekend: 10:00am – 5:00 pm

    Monday: Closed

    CONTACT DETAILS

    7110 3rd Ave, Brooklyn, New York
    +2342 5446 67
    bambino@boldthemes.com

    © 2023 Dottorotto Df Medica Oone Srl: Sede legale: Piazza San Giuseppe Moscati n. 5 • 82030 Apollosa (BN) • Italia Uffici e magazzini: Via Pasubio n. 22 • 24025 Gazzaniga (BG) • Italia P.IVA e C.F. n.IT02773630161 • Capitale Sociale 140.000 iv • N.REA BN 142099 • Tel. +39 035 7177011 • email: info@dfmedica.it • pec: oonesrl@propec.it  Privacy PolicyCookie Policy

    /* ]]> */