Blog

bt_bb_section_bottom_section_coverage_image

Apnea notturna: cos’è e come combatterla

Apnea notturna, cos’è

L’apnea notturna è un disturbo del sonno comune ma grave che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Con il tempo, questa condizione può causare gravi complicazioni. Tuttavia, questa condizione è spesso molto gestibile, soprattutto se si seguono scrupolosamente i trattamenti prescritti.

Questa condizione causa l’interruzione della respirazione durante il sonno. La parola “apnea” deriva dal greco e significa “senza respiro“. L’apnea notturna si verifica perché si smette di respirare mentre si dorme. Ciò avviene a causa dell’ostruzione delle vie aeree (apnea ostruttiva del sonno) o perché il cervello non controlla correttamente la respirazione (apnea centrale).

La conseguente mancanza di ossigeno attiva un riflesso di sopravvivenza che ci sveglia quel tanto che basta per riprendere a respirare. Se da un lato questo riflesso ci mantiene in vita, dall’altro interrompe il ciclo del sonno. Ciò impedisce un sonno ristoratore e può avere altri effetti, tra cui uno stress per il cuore che può avere conseguenze potenzialmente letali.

 

Chi colpisce l’apnea del sonno?

L’apnea del sonno può colpire chiunque, dai neonati ai bambini, fino agli adulti più anziani. L’apnea ostruttiva del sonno è più comune in determinate circostanze e gruppi di persone:

  • Prima dei 50 anni, è più comune negli uomini e nelle persone assegnate al sesso maschile alla nascita (AMAB). Dopo i 50 anni, colpisce allo stesso modo le donne e le persone di sesso femminile (AFAB).
  • Le persone hanno maggiori probabilità di svilupparla con l’avanzare dell’età.
  • L’eccesso di peso o l’obesità aumentano fortemente il rischio di svilupparla.
  • È più comune nelle persone di colore, ispaniche o di origine asiatica.

L’apnea centrale del sonno è più comune in alcuni gruppi di persone:

  • Persone che assumono farmaci antidolorifici oppioidi.
  • Adulti di età superiore ai 60 anni.
  • Persone con patologie cardiache come la fibrillazione atriale o l’insufficienza cardiaca congestizia.
  • Per alcune persone che utilizzano la CPAP o che hanno un’apnea ostruttiva del sonno, ciò può innescare lo sviluppo di eventi centrali noti come apnea centrale del sonno emersa dal trattamento.
  • Quando le persone vivono ad altitudini elevate, ciò può causare la comparsa di apnee centrali.

 

Come influisce l’apnea del sonno sul corpo?

Per capire come funziona l’apnea notturna, è utile conoscere un po’ il ciclo del sonno umano. Il sonno si svolge in più fasi:

Fase 1: sonno leggero. È una fase breve che inizia subito dopo l’addormentamento. Rappresenta circa il 5% del tempo totale di sonno.

Fase 2: sonno profondo. Questa fase è più profonda e rappresenta circa il 45-50% di tutto il tempo trascorso a dormire (questo numero aumenta con l’avanzare dell’età).

Fase 3: sonno a onde lente. È la fase più profonda del sonno e rappresenta circa il 25% del tempo trascorso dormendo (questo numero diminuisce con l’età). È molto difficile svegliare una persona che si trova nello stadio 3 del sonno e il risveglio diretto provoca di solito “inerzia del sonno”, uno stato di “nebbia mentale” e di rallentamento del pensiero. In questa fase si verificano parasomnie come il sonnambulismo e il parassitismo.

Sonno REM: REM è l’acronimo di “rapid eye movement” (movimento rapido degli occhi). In questa fase si sogna. Quando una persona è nel sonno REM, si vedono gli occhi muoversi sotto le palpebre.

Quando ci si addormenta, di solito si entra nella fase 1, per poi passare e passare da una fase all’altra. Dopo il passaggio da una fase all’altra, si entra nel sonno REM e si inizia a sognare. Dopo il primo ciclo REM, si inizia un nuovo ciclo e si torna allo Stadio 1 o 2. Di solito un ciclo dura circa 90-110 minuti prima che ne inizi un altro. La maggior parte delle persone attraversa quattro o cinque cicli per notte (supponendo di dormire tutte le otto ore).

apnea notturna

 

Come l’apnea notturna altera il ciclo del sonno

Il cervello monitora costantemente lo stato del corpo e regola la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, la respirazione, ecc. I livelli di ossigeno nel sangue possono diminuire quando si interrompe la respirazione a causa dell’apnea o dell’ipopnea.

Apnea: si verifica quando si smette di respirare durante il sonno o quando il flusso d’aria è quasi assente. Combina le radici greche “a”, che significa “non” e “pnea”, che si riferisce alla respirazione. Combinato, significa “senza respiro”.

Ipopnea: combina le radici greche “hypo” e “pnea”. La radice “hypo” significa “basso” o “sotto”. La combinazione di queste radici significa “respirazione insufficiente” o “respirazione debole”, il che significa che non si respira abbastanza per mantenere i livelli di ossigeno nel sangue.

Il cervello reagisce ai cali di ossigeno nel sangue, dovuti all’apnea o all’ipopnea, attivando un riflesso di sicurezza, svegliando l’individuo in modo tale che possa respirare di nuovo. Una volta ripresa la respirazione, il cervello cerca automaticamente di riprendere il ciclo del sonno.

Quanto più grave è l’apnea notturna, tanto più spesso si verificano queste interruzioni. L’indice di apnea/ipopnea (AHI) è il numero medio orario di eventi di apnea o ipopnea, cioè di momenti in cui una persona smette di respirare.

Gli eventi ostruttivi, che hanno una durata molto breve, possono interessare qualsiasi fase del sonno. Sono più comuni nella fase 1, nella fase 2 e nel sonno REM. Per questo motivo è comune che le persone non ricordino gli eventi di apnea, il che significa che potrebbero non sapere di avere un problema fino a quando i sintomi non sono evidenti. Gli eventi centrali sono più comuni negli stadi 1 e 2 del sonno, ma possono verificarsi in qualsiasi fase.

 

Sintomi:

I sintomi più comuni dell’apnea notturna sono il forte russare, il rantolo o il soffocamento durante il sonno, le pause nella respirazione e l’eccessiva sonnolenza diurna. Altri sintomi possono essere mal di testa, difficoltà di concentrazione, cambiamenti di umore e insonnia, disturbi della funzione cerebrale, sudorazione notturna e modelli di respirazione insoliti.

 

Come viene trattata l’apnea del sonno, esiste una cura?

Esistono diversi approcci al trattamento dell’apnea notturna, a seconda del tipo specifico di apnea notturna e della sua gravità. Sebbene nessuno di questi sia una cura, possono aiutare a prevenire gli eventi di apnea o a ridurne la frequenza o la gravità.

Molti trattamenti dovrebbero far parte della routine quotidiana (o notturna). Questo può ridurre o addirittura eliminare gli effetti dell’apnea notturna sulla vostra vita per tutto il tempo in cui li utilizzate.

Il trattamento più efficace per l’apnea notturna è la terapia a pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP), che prevede l’uso di una maschera che eroga una pressione d’aria per mantenere aperte le vie aeree durante il sonno. Altre opzioni di trattamento possono includere apparecchi orali, cambiamenti nello stile di vita, come la perdita di peso e la cessazione del fumo, e interventi chirurgici per rimuovere le ostruzioni delle vie aeree.

 

L’apnea notturna è una condizione che può sconvolgere gravemente la vita del paziente e metterlo a rischio di complicazioni ed eventi potenzialmente letali. Per questo motivo, non si dovrebbe cercare di autodiagnosticarla o autotrattarla. Se si pensa di soffrire di apnea notturna, è necessario fissare un appuntamento con uno specialista del sonno o chiedere al proprio medico di base di indirizzarvi a uno specialista del sonno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

NEWSLETTER

Dr. Otto è un brand di DF Medica Oone srl specializzato in disturbi del sonno.

DF MEDICA OONE SRL

CONTATTI

https://www.dottorotto.it/wp-content/uploads/2023/04/Logo_positivo.png

NEWSLETTER

    *Please note that our weekend opening hours can be affected by scheduled Private Events.

    OPENING HOURS

    Tue – Fri: 9:30am – 6:00 pm

    Weekend: 10:00am – 5:00 pm

    Monday: Closed

    CONTACT DETAILS

    7110 3rd Ave, Brooklyn, New York
    +2342 5446 67
    bambino@boldthemes.com

    © 2023 Dottorotto Df Medica Oone Srl: Sede legale: Piazza San Giuseppe Moscati n. 5 • 82030 Apollosa (BN) • Italia Uffici e magazzini: Via Pasubio n. 22 • 24025 Gazzaniga (BG) • Italia P.IVA e C.F. n.IT02773630161 • Capitale Sociale 140.000 iv • N.REA BN 142099 • Tel. +39 035 7177011 • email: info@dfmedica.it • pec: oonesrl@propec.it  Privacy PolicyCookie Policy

    /* ]]> */